Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana Orienti
Collana iSaggi
Collana GrandAngolo
Collana Iride
Collana Afriche
Collana 17x24
Collana Narrativa
Collana SoundCiak
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana del fare
Fuori collana
All'estero/Abroad
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Graphic novel
Media
Medio Oriente
Migranti
Poesia
Scuola
Storia
Teatro
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE PROLIBER
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

  CAPORETTO 1917: FU RESA O BATTAGLIA?



11/10/2017. Ricorre il prossimo 24 ottobre il centenario della dodicesima battaglia dell’Isonzo, meglio conosciuta come battaglia o disfatta di Caporetto. Abbiamo chiesto allo storico Valerio Curcio, che ha curato l’introduzione al romanzo storico di Daniele Zanon Nina nella Grande Guerra, un commento sui fatti di quel giorno.

A cent’anni di distanza siamo ancora qua a discutere su cosa rappresentò veramente per il Regio Esercito Italiano quel che accadde dalla notte sul 24 ottobre 1917. L’episodio è noto in tanti modi, tutti coniugati al negativo, ancor oggi sinonimi di infausti presagi; rotta, disfatta, resa, disastro, catastrofe. In pochi hanno sentito parlare di battaglia di Caporetto. Probabilmente la sfumatura negativa si deve al revisionismo storico durante il ventennio fascista o al famoso bollettino di Cadorna nel quale si additavano i soldati italiani di viltà e tradimento, quali unici responsabili dei fatti accaduti.

In occasione del Centenario la discussione si è riaperta; oggi abbiamo a disposizione una gran mole di documenti che, nella maggior parte dei casi, si discosta in modo anche deciso dalla storiografia ufficiale, quest’ultima viziata dal revisionismo imposto durante il ventennio fascista.  

Due nomi su tutti, due illustri generali, entrambi indicati come probabili successori del generalissimo Cadorna, animati da una profonda e reciproca gelosia nonché da un odio tale da sfociare nella più becera infedeltà. Parliamo di Luigi Capello e Pietro Badoglio, rispettivamente comandanti della Seconda Armata e del XXVII Corpo d’Armata (Settore dello sfondamento). Ecco la chiave di volta, loro la responsabilità di quanto accaduto.

E i soldati? Questi combatterono finché si poté, perché quando le munizioni finiscono e i rinforzi non arrivano il pensiero non può che andare ai propri cari, alla casa, alla terra. Tra morte certa e prigionia l’eroismo sbiadisce di colpo e la logica fa il resto. Abbiamo centinaia di testimonianze, confermate da altre indipendenti, che riscrivono totalmente la storia di quei giorni di Caporetto.

Sul Mrzli e sul Vodil il nemico viene continuamente respinto. I prigionieri nemici sono decine, a volte centinaia. Vengono portati in fondo valle, ma lì ci sono già i tedeschi.

Quando si resta a corto di munizioni si spara con l’artiglieria ad alzo zero: mossa della disperazione e alquanto inutile. Si legge di storie di difese estreme con lancio di pietre, o di episodi di pietà, come quella di due soldati italiani che corrono verso il fondovalle senza più munizioni inseguiti dagli ungheresi. I due non esitano a prestare soccorso al proprio comandante ferito al femore, quando lo incontrano durante la precipitosa fuga. Lo portano con loro fino a valle dove li attende la sorpresa più amara: non più il comando italiano, ma una marea di soldati tedeschi. La lotta è accanita sulla Bainsizza, nella stretta di Saga, sul Monte Rosso. Qui gli austrotedeschi sono ripetutamente respinti ma le munizioni scarseggiano. Fin dalle prime luci del 24 ottobre si susseguono richieste di rinforzi e munizioni. La prima risposta dal Comando giunge oltre dodici ore dopo, quando ormai il caposaldo è caduto in mano nemica.

Qualche minuto dopo i primi bombardamenti nemici i generali italiani sono già in fuga verso la piana friulana: prima a Cividale, poi a Udine. Le baracche dei comandi vengono bruciate, i documenti distrutti. Le staffette che dalle prime linee corrono ai comandi per riferire scoprono tutto ciò e si sentono traditi e spacciati.

Sul Carso gli italiani tengono testa, anzi zittiscono l’artiglieria nemica. Poi giunge l’ordine di ripiegare al di qua del Vallone, senza che i nostri ufficiali di linea ne capiscano il motivo. Non lo capiscono neanche gli austriaci, che davanti all’arretramento degli italiani restano, per nostra fortuna, ai loro posti, pensando a una trappola. Sì, perché il piano austrotedesco non prevedeva che un’azione limitata alla zona tra Tolmino e la stretta di Saga. Nella migliore delle ipotesi si pensava ad un respingimento degli italiani sulla linea dell’Isonzo, non certo fino al Tagliamento, figuriamoci fino al Piave.

Nessuna guerra è grande. Ad essere grandi sono solo gli errori, come quelli dei comandanti italiani, non certo di soldati-contadini strappati alla loro terra.    



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
19/10/17Nuovo in libreria: "Italia.zip" di Mario Conte e Pierluigi Senatore
18/10/17"Le lune di Avel", completato il crowdfunding!
15/10/1716 ottobre, Giornata mondiale dell’alimentazione
12/10/17Gli incontri oggi
11/10/17Caporetto 1917: fu resa o battaglia?
10/10/1710 ottobre, Giornata Mondiale contro la pena di morte
10/10/17"Le lune di Avel", ancora pochi giorni per partecipare al progetto!
10/10/17Srebrenica: assolto Naser Orić, la reazione serba e serbo-bosniaca
10/10/17Gli incontri di oggi tra Prato e Modena
9/10/17Venezuela, la vicenda del giornalista Roberto Di Matteo
6/10/17Cadorna sapeva: Caporetto 100 anni dopo
6/10/17Gli incontri di oggi, da Bari all'Abruzzo
5/10/17Gli incontri di oggi
 Tutte le news
PROMOZIONI
1The Beagle’s
2Emboscada
3Mister sei miliardi
4Anahí del mare
5Pregiudizio di casta
6Tutto è vanità
7Grecia, solo ritorno
8Me ne vado a Est
9Uomini e belve
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Diario da Sarajevo
2Il sogno fasullo
3Vai Razzo, veloce e feroce
4In attesa
5La fuga
6Il Battaglione Bosniaco
7Oro Azzurro
8Burkina Faso
9Rapporto 2015-2016
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Rapporto 2015-2016
2Oro Azzurro
3Capitale garantito
4La rana e la pioggia
5Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti
6Eden
7Tutto è vanità
8In attesa
9La Musica è Felicità
Copyright © 2017 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy