Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana Orienti
Collana iSaggi
Collana GrandAngolo
Collana Iride
Collana Afriche
Collana 17x24
Collana Narrativa
Collana SoundCiak
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana del fare
Fuori collana
All'estero/Abroad
Collana Le Graffette e-book
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Graphic novel
Media
Medio Oriente
Migranti
Poesia
Scuola
Storia
Teatro
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE PROLIBER
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

  8 MARZO – IL CORAGGIO DELLE DONNE IN TUTTO IL MONDO



08/03/2017. Bibata Ouedraogo, Su Changlang, Eren Keskin, Máxima Acuña, Helen Knott sono donne che difendono i diritti umani e che hanno deciso di dedicare la propria vita alla battaglia quotidiana per la realizzazione dei diritti umani di tutte e tutti noi. In Burkina Faso, in Cina, in Turchia, in Perù e in Canada, si legge in un appello promosso da Amnesty International, queste donne coraggiose vengono minacciate, vessate, insultate, umiliate, censurate, marginalizzate, picchiate, imprigionate, perseguitate penalmente per il loro lavoro in difesa dei diritti umani; per aver sfidato gli stereotipi di genere, le strutture del potere e del profitto, le norme sociali e i valori patriarcali, religiosi e tradizionali; per aver rivendicato i diritti sessuali e riproduttivi e i diritti ambientali e dei popoli nativi. Sono donne che difendono i nostri diritti, noi dobbiamo difendere il loro spazio d’azione, continua l’appello di Amnesty International, contribuendo a creare un ambiente sicuro e idoneo in cui sia possibile difendere e promuovere i diritti umani senza timore di punizioni, rappresaglie o intimidazioni. Perché non ci siano altre donne che muoiono per aver difeso i diritti umani – come la coraggiosa Berta Càceres, uccisa il 2 marzo 2016 per il suo lavoro in difesa della terra e dei diritti della comunità nativa in Honduras – la sezione italiana di Amnesty International chiede al nostro Governo il riconoscimento del ruolo di coloro che difendono i diritti umani e in particolare quello delle donne, che spesso affrontano rischi aggiuntivi sia per il loro genere che per i diritti contestati che rivendicano e che si adoperi, sia attraverso le sue missioni all’estero, che sul nostro territorio, con azioni concrete a favore delle difensore a rischio, legittimandole, proteggendole e promuovendo il loro lavoro in Italia e all’estero. La storia di Berta Càceres è raccontata all’interno del Rapporto 2016-2017. La situazione dei diritti umani nel mondo di Amnesty International che riportiamo a favore dei colleghi della stampa. Il testo può essere ripreso dalla stampa citando la fonte © Infinito edizioni 2017 – www.infinitoedizioni.it “L’Honduras continuava a essere uno dei paesi più pericolosi dell’America Latina per la comunità dei difensori dei diritti umani, specialmente per gli ambientalisti e gli attivisti per la terra. Secondo l’Ngo Global Witness, l’Honduras deteneva il tasso pro capite di omicidi di ambientalisti e attivisti per la terra più elevato al mondo2. Berta Cáceres, lea¬der e cofondatrice del Consiglio civico delle organizzazioni popolari e indigene dell’Hon¬duras (Consejo cívico de organizaciones populares e indígenas de Honduras – Copinh), è stata uccisa a colpi d’arma da fuoco nella sua abitazione il 2 marzo. La Iachr le aveva accordato misure di protezione sin dal 2009 ma le autorità honduregne non avevano provveduto ad applicare misure in grado di proteggerla in maniera efficace. Prima della sua morte, era stata vittima di continue vessazioni, minacce e attacchi da parte di attori statali e non statali, così come era accaduto ad altri membri del Copinh che protestavano contro la costruzione della diga Agua Zarca, nella comunità di Río Blanco.”

Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
28/4/17"Bosnia, l'Europa di mezzo", incontro con l'autore
26/4/17"Giardino Atomico. Ritorno a Chernobyl", nuovo in libreria
24/4/17Frank Chamizo, il docufilm a lui dedicato
24/4/1725 aprile, festa della Liberazione
24/4/17"Matrimonio siriano", un nuovo progetto in crowdfunding
24/4/17Storie, la rubrica del Tg 2, intervista Dubravka Ustalic
24/4/17Gabriele Del Grande è libero!
23/4/17Frank Chamizo, questa sera il docufilm a lui dedicato su Rai 2
22/4/17Questa sera su "Storie", l'intervista a Dubravka Ustalić
21/4/1722 APRILE, GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA
21/4/17Višegrad, reazioni contro la croce della vergogna
21/4/17Tutti gli incontri di oggi: due anteprime e quattro presentazioni
20/4/17Ancora quattro incontri per domani
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Il cuore della luna
2I ragazzi di Brema
3Non so come sia da voi, ma da noi è così
4Frank Chamizo. La Rivoluzione della Lotta
5Dania e la neve
6Roma, la guerra dei rifiuti
7L'Esecutore
8Il memori@le della collina
9La scuola diversa
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Diario da Sarajevo
2Il sogno fasullo
3Vai Razzo, veloce e feroce
4In attesa
5La fuga
6Il Battaglione Bosniaco
7Oro Azzurro
8Burkina Faso
9Rapporto 2015-2016
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Rapporto 2015-2016
2Oro Azzurro
3Capitale garantito
4La rana e la pioggia
5Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti
6Eden
7Tutto è vanità
8In attesa
9La Musica è Felicità
Copyright © 2017 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy