Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana Orienti
Collana iSaggi
Collana GrandAngolo
Collana Iride
Collana Afriche
Collana 17x24
Collana Narrativa
Collana SoundCiak
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana del fare
Fuori collana
All'estero/Abroad
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Graphic novel
Media
Medio Oriente
Migranti
Poesia
Scuola
Storia
Teatro
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE PROLIBER
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

  UN GIORNALISTA TURCO-TEDESCO ARRESTATO IN TURCHIA: LA LIBERTÀ D’ESPRESSIONE IN TURCHIA NEL RAPPORTO 2016-2017 DI AMNESTY INTERNATIONAL



28/02/2017. Dal 14 febbraio è detenuto nelle carceri turche il reporter Deniz Yucel, corrispondente del giornale Die Welt. Yucel, con doppia nazionalità turco-tedesca, è accusato di "propaganda terroristica" e "istigazione all'odio" nell'ambito di un'inchiesta sul collettivo di hacker turchi RedHack, che diffusero alcune email di Berat Albayrak, ministro dell'Energia e genero del presidente Recep Tayyip Erdogan, su cui il giornalista ha scritto alcuni articoli. 

Sul tema della libertà d’espressione in Turchia segnaliamo il focus del Rapporto 2016-2017. La situazione dei diritti umani nel mondo di Amnesty International. Il testo può essere ripreso dalla stampa citando la fonte © Infinito edizioni 2017 – www.infinitoedizioni.it

"La situazione della libertà d’espressione è fortemente peggiorata nel corso dell’anno. Dopo la dichiarazione dello stato di emergenza, 118 giornalisti sono stati rinviati in cu­stodia preprocessuale e 184 organi d’informazione sono stati chiusi arbitrariamente e de­finitivamente, in base a decreti esecutivi, con gravi limitazioni imposte alle testate vicine all’opposizione2. Le persone che esprimevano dissenso, soprattutto in relazione alla que­stione curda, sono state minacciate di violenza e di azioni penali. La censura su Internet è aumentata. A novembre, almeno 375 Ngo, tra cui gruppi per i diritti delle donne, asso­ciazioni di avvocati e organizzazioni umanitarie, sono state chiuse con decreti esecutivi.

A marzo, un tribunale della capitale Ankara ha nominato un fiduciario per il gruppo di comunicazione Zaman, vicino all’opposizione, in relazione a un’indagine in corso per accuse di terrorismo. Dopo che la polizia ha assaltato gli uffici di Zaman, ai giornali e ai canali televisivi del gruppo è stata imposta una linea editoriale filogovernativa. A luglio, tutte le testate di Zaman sono state definitivamente chiuse, insieme ad altri mezzi di comunicazione legati a Gülen. Sono state chiuse anche le nuove testate, cre­ate dopo che il governo era subentrato nella gestione del gruppo Zaman.

A maggio, il caporedattore del quotidiano Cumhuriyet, Can Dündar, e il rappresentante del giornale ad Ankara, Erdem Gül, sono stati riconosciuti colpevoli di aver “rivelato se­greti di stato” e condannati entrambi a cinque anni e 10 mesi di reclusione per la pub­blicazione di articoli in cui si affermava che le autorità turche avevano tentato di spedire segretamente armi ai gruppi armati d’opposizione in Siria. Il governo aveva affermato che i camion stavano trasportando rifornimenti umanitari per i turkmeni. A fine anno, il caso era ancora in attesa di appello. A ottobre, altri 10 giornalisti sono stati detenuti in custodia preprocessuale per aver commesso reati per conto della Fetö e del Pkk.

Ad agosto, la polizia ha chiuso gli uffici di Özgür Gündem, il principale quotidiano curdo, in base a un’ordinanza di tribunale che ne imponeva la chiusura a causa d’inda­gini in corso per terrorismo, una sanzione non prevista dalla legge. Due redattori e due giornalisti sono stati arrestati in attesa di giudizio e incriminati per reati di terrorismo. Tre sono stati rilasciati a dicembre, mentre il redattore İnan Kızıkaya è rimasto in de­tenzione.3 A ottobre, con un decreto esecutivo, Özgür Gündem è stato definitivamente chiuso, insieme a tutti i principali organi di stampa nazionali filocurdi.

Coloro che avevano firmato la petizione sottoscritta a gennaio 2016 dagli Accademici per la pace, che chiedeva di riprendere i negoziati di pace e di riconoscere le richieste del movimento politico curdo, sono stati sottoposti a minacce di violenza, indagini am­ministrative e procedimenti penali. Ad aprile, quattro firmatari sono stati detenuti fino all’udienza in tribunale; sono quindi stati liberati ma non assolti4. Alla fine dell’anno, 490 accademici erano sotto indagine amministrativa e 142 erano stati licenziati. Dal colpo di stato, oltre 1.100 dei firmatari erano formalmente sotto indagine penale.

È aumentata la censura su Internet; le autorità hanno emesso ordini, approvati dalla magistratura senza discutere, per ritirare o bloccare contenuti, inclusi siti web e ac­count di social network, provvedimenti contro i quali non esisteva alcuna possibilità effettiva di ricorso. A ottobre, le autorità hanno interrotto i servizi Internet nel sud-est del paese e si sono impegnate nella limitazione dei vari servizi di social network."



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
21/3/17Vittorio Calogero a Italia's got talent
21/3/17In libreria il nuovo libro di Luca Leone: "Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio"
20/3/17Maurizio Casarola campione nazionale di lotta
17/3/17Balcani e famiglia al centro degli incontri di domani
17/3/17Gli appuntamenti di oggi
16/3/17Ospedali psichiatrici giudiziari, il Senato approva il Dl sulla giustizia che stravolge le Rems
15/3/17Gli incontri di oggi con i nostri autori
14/3/17Ospedali psichiatrici giudiziari, l’allarme di StopOpg sul ruolo delle Rems
10/3/17"Lungo la Rotta Balcanica", incontro a Milano
9/3/17Novità in libreria: "Incubo radioattivo"
8/3/17"Donne nascoste", questa sera a Firenze presentazione e spettacolo
8/3/178 marzo – il coraggio delle donne in tutto il mondo
7/3/17“Diario da Sarajevo. Assedio, evasione e ritorno”, una donna racconta
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Mala dies
2La luce dell'ombra
3Fuori dalla società della conoscenza
4Il principe Anselmo
5La chiamavano guerra
6Anahí del mare
7Ragazzi con la bandana
8Il cielo in una stalla
9Brucia il ricordo di te
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Diario da Sarajevo
2Il sogno fasullo
3Vai Razzo, veloce e feroce
4In attesa
5La fuga
6Il Battaglione Bosniaco
7Oro Azzurro
8Burkina Faso
9Rapporto 2015-2016
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Rapporto 2015-2016
2Oro Azzurro
3Capitale garantito
4La rana e la pioggia
5Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti
6Eden
7Tutto è vanità
8In attesa
9La Musica è Felicità
Copyright © 2017 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy